Archive for the ‘Poesia’ Category

carissimi amici
ieri mattina all’uscio di casa, diversi rami degli alberi del parco Leopold erano a terra, spezzati e feriti a causa della tempesta di domenica notte.

Alcune foto mostrano i danni irreparabili. Le radici son fortemente legate al suolo ma il vento é stato davvero forte e violento e non ha risparmiato vittime.

POESIAPRESENTE2010

Posted: March 20, 2010 in Poesia

Poesia contemporanea in Monza e Brianza
Quarta edizione

GIOVEDì 18 FEBBRAIO ALLE ORE 21
presso il Teatro Binario 7 | via Turati 8, piazza Castello, Monza (di fianco alla stazione FS)

In collaborazione con Comune di Monza – Assessorato alla Cultura, Teatro Binario 7, La Danza Immobile, Provincia di Monza e Brianza

“NEL SEGNO DELLA PAROLA”
Jean-Jacques Viton (FRANCIA) intervista e reading in lingua originale con traduzioni
Biagio Cepollaro (MI) reading con videoproiezioni
Mario Bertasa (MB) reading con videoproiezioni

Serata nel segno del fare poesia con la parola, così come nel segno della parola poetica in quanto segno.
Jean-Jacques Viton: “Il commento definitivo”
Viton (1933), uno dei poeti francesi contemporanei più significativi, leggerà il suo “commento definitivo” (traduzioni di Andrea Inglese). Inoltre, grazie all’intervista live condotta dal poeta Andrea Raos, sarà possibile approfondire la poetica dell’autore, la cui ricerca è per prospettiva difficilmente rintracciabile in autori Italiani.
La sua scrittura predilige l’attraversamento burlesco e anarchico di eventi che si offrono senza gerarchie allo sguardo e alla memoria poetica. Spesso la sfera dell’esperienza quotidiana diviene terreno prediletto per un’esplorazione dei margini, dei resti, delle anomalie. I testi sono tratti da “Decollage” (P.O.L, 1986) e da “Il commento definitivo. Poesie 1984-2008”(Metauro, 2009)
Biagio Cepollaro: “Da strato a strato”
Cepollaro, poeta di punta del Gruppo 93, traccerà con testi rappresentativi, il suo percorso poetico-artistico con la proiezione di immagini della sua ultima produzione visiva e leggendo dall’ultimo libro “Da strato a strato” (La Camera verde, 2009), da “Scribeide” (P. Manni,1993), da “Nel fuoco della scrittura” (La Camera verde, 2008) e da “Lavoro da fare” (E-book, 2006). Si è distinto per l’acume critico e le sue doti di didatta, doti che per molti anni gli studenti del Liceo Scientifico Statale “P. Frisi” di Monza hanno potuto apprezzare.
Mario Bertasa: “Atroce #31-0 (Integrale 0.1)”
“Atroce”, la silloge poetica di una delle voci più rilevanti di MeB, inclusa nell’antologia “Mappa giovane”, debutta nella versione live, integrale, detta tutta d’un fiato, con articolazioni rapidissime della pronuncia e videoproiezione verbali e distorsori di voce.
Nel foyer, a disposizione del pubblico, “LaPoesiaSalvaLanima” distributore gratuito di poesie, realizzato secondo i principi della street art (installazioni create con materiale di riciclo e collocate in luoghi non convenzionali) dalle classi II E e III A della Scuola Secondaria di Primo Grado “Anna Frank” di Monza nel laboratorio di scrittura e lettura “pronto soccorso poetico” curato da Silvia Monti (con la collaborazione della prof. Licena Elli)

http://www.poesiapresente.it info@poesiapresente.it
347/0685951 – 340/2880586

William Shakespeare’s Sonnets for the First Time Globally Reprinted. A Quatercentenary Antholoogy 1609-2009.
Centenaries and their subdivisions and multiples bring out the worst and the best in us. They provide the commercially minded with opportunities to flog their wares — a thought that gives us cause to start dreading the deluge of Shakespearean events and publications that is to burst upon us in 2016. But Shakespearean jubilees also tend to generate wonderful ideas and projects. Such projects can be quite modest, such as the reappraisals of M. M. Mahood’s Shakespeare’s Wordplay in the Journal Connotations (issue 6:2, 2006-2007, online) occasioned by the fiftieth anniversary of the publication of Mahood’s classic study on Shakespeare’s puns. This half-century of Shakeaspeare’s Wordplay was in itself a perfectly trivial occasion, but surely one which produced fine results, including one of the last papers of Kenneth Muir and further¬more a Reply by Molly Mahood herself. Les excuses sont faites pour s’en servir, as French proverbial wisdom has it, and Manfred Pfister and Jürgen Gutsch have now taken advantage of the four centuries of Shakespeare’s Sonnets to bring out an absolutely intriguing anthology which gives a generous sampling of Shakespeare’s famous poems in dozens and dozens of languages and ver¬sions. Admittedly, it is not a cheap book, but it is worth every penny.
On the book spine it says Shakespeare’s Sonnets Global and that is short for the cover title William Shakespeares Sonnets for the First Time Globally Reprinted, which cleverly alludes to the title of the 1609 edition: Shake-speares Sonnets Neuer before Imprinted. The book cover reproduces the title page of the original edition in a soft grey lettering and nicely superimposes the new title and the other bibliographic data on it printed in a black Garamond typeface. It is an elegant and effective design which literally and figuratively establishes the 1609 edition as a palimpsest for the Sonnets’ global afterlife as represented in this anthology.
At first sight the volume has the traditional format of a literary anthology, except that it is radically multilingual. We are all familiar with the kind of translation anthology that renders poems by many authors and from many languages into one single target language; a typical example would be The Oxford Book of Verse in English Translation. But this conventional model is here turned inside out in a sweeping centrifugal movement, as one slim source-lang¬uage book of poetry appears in more than seventy different languages (but strangely also disappears into them: the English originals of the Sonnets are not reprinted and no back-trans¬lations into English are given). This anthology does not give multiple translations into a single target language which serves as an inclusive common denominator, bringing readers and texts together and closing the gaps between languages. More uncomfortably, Shakespeare’s Sonnets Global highlights translation as an uncompromising demonstration of the divisive reality of linguistic and cultural difference. This format of translation anthology has exclusive effects. I assume that not a single individual can be found who could read and understand all the translations in this book, as surely no one can be that much of polyglot. Even the linguistically gifted will be left out by most of the selections. In many cases one finds oneself staring at the strange but impenetrable beauty of a different alphabet or writing system.
Unsurprisingly, the book is produced and distributed not by a mainstream Anglo-American publisher but by what is for me anyway an obscure Swiss publishing house. True, the Eng-lish-speaking academic world is beginning to recognise the importance of multilingualism and translation but, even so, we find it to be more at ease speculating monolingually, philosophically and often metaphorically about translation than engaging hands-on with the stubborn material realities of language difference. And because „realities“ is the operative word here, Shakespeare’s Sonnets Global is such a welcome book.
What should lower the threshold is that all the editorial matter is in English and that the an-thology is subdivided into seventy-three alphabetically arranged „contributions”, each dealing with a particular area or target language and being prefaced by an informative headnote which sets the translations in their literary and historical contexts. Take, for example, the first con-tribution, which presents the Afrikaans versions of the Sonnets: it is introduced by a headnote which really amounts to a short essay by Hennie van Coller and Burgert Senekal, complete with a bibliography (pp. 35-39); then comes the mini-anthology (pp. 40-44) comprising Afrikaans translations of sonnets 18, 30, 55, 71 and 116 (two different versions each) and of 106 (one version), followed by the list of sources for the translations (two of the translations were spe-cifically written for this project). This basic format is used in the seventy or so following sections. Languages or areas covered by the next sections include Albanian, Amharic, Arabic and Armenian and so on further down the alphabetical list ending with sections on Turkish, Ukrain¬ian, Yiddish and Visual Translations of the Sonnets. The book is concluded by a presentation of the many contributing authors.
As this sort listing may suggest, the book’s approach is a very democratic one. Even though the African continent is sadly underrepresented, the book lives up to the word „global“ in its title. Smaller languages are represented as well as large ones. Who has ever read a Shakespeare sonnet in Pennsylvania German, in West Frisian, or in Rhaeto-Romanic? The most extreme case is Cimbrian, an old Germanic language in Northern Italy that was „already said to be dying out before the beginning of the 20th century“ and that is „nowadays still spoken by a few hundred people“ (p. 135). However, the permanent threat of extinction has not dampened the spirits of the author of the head-note, who affirms that „Cimbrian literature [ … ] has continued to be alive and kicking to our days“ (ibid.) and goes on to demonstrate his belief in the viability of the language as a literary medium by offering his version of sonnet 151 — the one and only Cimbrian Shakespeare sonnet so far. This may strike us as a mere curiosity, but it has more than just anecdotal value. Not only does the contribution offer interesting linguistic and cultural information, it usefully challenges our dominant worldview in which English is unthinkingly taken for granted as an international language and in which national or official languages are the only other ones that count. It comes as no surprise that several of the sections representing smaller translating languages have an implicit and sometimes more explicit political agenda. They show a determination to put marginalized languages and literary cultures on the map, sharing an „ecolinguistic“ concern with linguistic and cultural diversity. Such a determination can grow out of deeply lived experience, as is shown for instance by Victor Shapoval’s intensely and engagingly personal „Attempt at a Romani Shakespeare“ (pp. 545-52).
Compared to some of the headnotes which were authored by the translators themselves and/or by scholars speaking on behalf of a minority language, most entries adopt a more strictly factual and descriptive attitude. Taken to¬gether, with all their variations in tone and length, the head-notes show fine scholarship, providing original surveys and in many cases making available previously undocumented findings concerning the worldwide reception of Shakespeare’s Son-nets. Where relevant, the translations chosen are usually rep¬resentative of different periods and translational approaches. Let us also note that in addition to the entry on „Visual Languages“ (a fascinating essay by Erika Greber), there are a few other contributions discussing and illustrating less conventional forms of „translation,“ such as „German Parodies“ and „Sign Languages.“ Of special interest are also the sections on the Shakespeare sonnets in Esperanto, Latin and in Klingon.
Shakespeare’s Sonnets Global has a general introduction by Manfred Pfister (pp. 9-32). Pfister comments on the history of the project and voices the edi¬tors’ regret that despite their manifold efforts collaborators could not always be found to make their anthology as global and as non-Eurocentric as they would have wished. Pfister explains the editors’ very open and flexible con¬cept of translation, which is particularly inclusive where non-canonical lan¬guages and ver-sions are concerned. He also asks the question what we can learn by juxtaposing and comparing the different materials and insights gath¬ered in the volume. Why is it that Shakespeare’s Sonnets were generally trans¬lated much later than the plays? How and why did the sonnet culture develop the way it did? How have the translators variously negotiated the philological and the aesthetic dimensions of their task? And who are all these translators anyway? Why have so few women translators taken up the gauntlet? How have translators dealt with the Sexual content and the erotic scenarios sug¬gested by the Sonnets? And how come the Sonnets seem to have had such a special appeal to readers and translators living in extreme circumstances, e.g. in prison or in exile? Pfister concludes his insightful introductory reflections by saying that Shakespeare’s Sonnets Global with its „polyphony of voices and plethora of Images“ bears testimony to the poems’ „continuing and ever-sur¬prising vitality“ (p. 29).
With more than 750 pages between its hard covers, Shakespeare’s Sonnets Global is an im-pressive and indeed also a handsomely published book. Inas¬much as one is able to verify this, the number of typos appears to be quite low. True, the use of italicisation for titles of books and Journals is bizarrely inconsistent and I spotted some typographical oddities or typesetting errors. Also, the use of the book would definitely have been a lot easier with the help of an index and of running titles. But such small flaws hardly detract from one’s feeling that this volume is a thing of beauty, a joy to have and a pleasure to peruse. Shakespeare’s Sonnets Global is more than a book, however. It comes with a data disc which is an intrinsic part of the work and not just „a bonus disc.“
The data disc presents the whole book in digital format as a sequence of PDF-files (one file per contribution). It offers Shakespeare’s original poems in a variety of formats: a diplomatic reprint of the 1609 text; the text of the 1966 edition by John Dover Wilson; a sound recording of the poems read by Chris Hughes; and a complete word concordance. Furthermore, the disc has a polyglot sound archive with some 675 recordings of the various translations in the book, all recited by native speakers; we may be unable to understand the text of the translations and perhaps even to decipher their script, but at least we can now appreciate the sounds of them and begin to think in more concrete terms about what happened to Shakespeare’s prosodic patterns. The disc’s sound archive also offers a Selection of musical settings; copyright restrictions here got in the way of what might have been achieved, but the sampling is sufficient to suggest the range of possible musical interpretations and to whet our appetite for more of them. Then, there is a truly amazing picture library, with the carefully scanned covers of dozens of editions and translations, with „visual sonnets“ and some extraordinary artwork. The section with Son-nets-related footage including clips from films and videos is somewhat disappointing — again, copyright restrictions muss have been the main obstacle here — but it has some interesting items, such as sonnet 130 in Sign Language. I was rather underwhelmed by the Internet section (it is short and eclectic) but it does offer an excellent „Selected Guide to Shakespeare on the Internet“ compiled by Hardy M. Cook (editor of SHAKSPER), leading readers from the book via the disc into the endless universe of online Shakespeare.
All in all, the combination of the book and the data-disc constitutes an invaluable source of material for Shakespeareans and sonnet lovers. English Literature teachers will adore it and undoubtedly plunder it to bring their classes on the Sonnets to life. Shakespeare’s Sonnets Global will also serve as an inspiration and basic reference work for future theses and research projects in a range of areas beyond English Literature stricto sensu: Translation Studies, Comparative Literature and Word & Image Studies, to name but those. Given the abundance and the quality of what the book has to offer, it would be un¬fair to quibble about what is missing in it. But let it be permitted to express the hope that the book represents work-in-progress and that the project can continue to grow in the form of an Internet site possibly along the lines of the HyperHamlet project in Basel (http://www.hyperhamlet.unibas.ch/). This would also enable Shakespeare’s Sonnets Global to connect more intensely with the Anglophone afterlives of the Sonnets, to expand on the history of the critical and scholarly interpretations of the Sonnets, and to further document their presence in the modern media (from advertising to YouTube).
This volume is an essential addition to any collection of books on the Son¬nets. It certainly has pride of place on my personal Shakespearean bookshelf, where it is flanked by Stephen Booth’s edition of the Sonnets. Booth taught a whole generation how to read the Sonnets in English; Pfister and Gutsch have now dramatically raised our awareness of the extra semantic and cul-tural en¬ergies that are released once these great poems go global.

Dale Zaccaria

Posted: February 1, 2010 in Poesia

Testi di Dale Zaccaria tratti da Inedito per una passante (Manni Editori 2008)
Video di Francesca Checchi Dans Art
Musiche Elettroniche di Roberta Vacca
Punto di Fuga 03 Corpo di Donna Brussels 30 Gennaio 2010
Di seguito le poesie lette durante la Performance all’Espace Marx

Fui tutta un succhiare
d’amore.

Io non posso trescare
con la mia donna

lei è il mio bestiame
nel cuore

la poesia che mi vuole
e mi divora.

Le ombre

Le ombre, come sono
lunghe le ombre !
E sospirano quest’ombre !

Ombre sole e ferme
senza tempo
che scoccano il bianco tempo

ombre scese dai lampioni
strette nelle case
passate a guado a cuore

ombre impaurite dell’amore
cave del silenzio
ombre che adombrano le ombre !

Per questa terra camminano
ballano s’inseguono le ombre

sono lunghe queste ombre !

E custodiscono parole
il dubbio di altre ombre.

Io t’amo.
T’amo nell’amore
che t’amo.
Nel seno dell’anima
t’amo.
Cosparsa violenta
fantasia, mai mia
io t’amo.
Nella bocca casta –
nel corpo che cadde –
nel lucente,
come luce e congiuntura,
nell’oblio, io t’amo
e non t’amo e poi t’amo.

Non i fiori ma le rose
voglio contare le rose
le rose rosse
di purpurea memoria
dure e rosse

poi quelle con la bocca
gialla
eternamente chiuse

le rose bianche
vergini e bianche
chiare come la morte
bianche come l’attesa

non i fiori io voglio contare
ma le rose
le nostre rose

quelle della tua mano
che colano dal tuo sesso
che invadono la parola

la rosa della mia mente
la rosa della vittoria
la rosa solo e sempre la rosa

ché non sono che rose
petali e profumi di rose.

Ascoltami amore
sotto il terrapieno di vita
per le siepi le stelle
nell’umido più giù
dormono i poeti:
solo un tum tum
e violette rigonfie
prese nude
alla rossa terra

getta le ginestre ti prego
e chiudi gli occhi
intorno credimi è solo vagare.

Il silenzio

Un palloncino è il silenzio
una mano è il silenzio
nel tuo cuore resta il silenzio

il silenzio va cucendo il silenzio
e se mi manchi è silenzio
il nostro nome è silenzio

senza un anello
carte o calendari
l’amore è silenzio

così batte piano il silenzio

e chiamiamo distanze
scriviamo canzoni.

Tre domande ad Adele Desideri

Posted: January 30, 2010 in Poesia

Tre domande ad Adele Desideri.
In occasione della pubblicazione del libro: “Il pudore dei Gelsomini”

1)Adele, sembra una domanda scontata, ma non posso non fartela: il titolo del libro che ritroviamo nascosto tra i versi di una delle prime poesie del tuo nuovo lavoro, mi incuriosisce e mi inquieta al tempo stesso. Questa frase sembra aprire la via, in una dimensione misteriosa, a qualcosa di segreto, di indicibile, quasi al limite di quel giardino che tutti vorremmo ma temiamo attraversare, almeno in una fase della nostra vita, quella dell’adolescenza. A me viene in mente il rito iniziatico, quello che segna il passaggio dall’età infantile a quella matura, dove il pudore necessario e presente deve cedere il passo, dopo prove ed eventi gravosi e paurosi, a quella necessaria dose di consapevolezza per affrontare la vita. Così nei tuoi gelsomini, nella farfalla e in quel codice scritto nel cielo terso che leggono gli ulivi e le radure verde rame forse, se pure ormai donna matura che ti culli nel fiume di luce, si scorgono reminiscenze di giovanili momenti dove torni bambina e, dimentichi le rotte proibite. E comunque manca sempre qualcosa al tocco…Che peso ha nella tua poesia dunque il ricordo di questo passaggio e quanto ti pesa, se ti pesa il parlarne, visto che è così difficile per tutti dimenticarsene, e cosa manca per raggiungere un giusto equilibrio?

*Il segreto, l’indicibile, è quanto non si può dire, né pensare, né nominare. È quel che accade in un’epoca remota. L’epoca del non ricordo. Il non-ricordo (ovvero la sensazione – non la certezza – di un misfatto accaduto, forse anche solo nella pura immaginazione) può essere espresso unicamente nella metafora. Non scaturisce dal pensiero logico, ma piuttosto appare come un’intuizione improvvisa, a volte non chiara, ermetica.

*Luna bugiarda

Montmartre, via Madonnina 27, Milano

Mi trafiggi la nuca,
mi imbrigli nel lutto.
Ma in tre, tu sai,
il gioco non vale.

Sono la donna di picche,
aggrumo dolori,
nel castello dei pazzi
il re semina orrore.

La luna – tu non lo sai –
è bugiarda e calante.
Ti sfido a tressette,
la lotta è ferina,
acceco i tuoi occhi,
ti vinco, ti anniento.

Nella truffa mi avvedo
di un sole corrotto.
Sei teatro, canzone,
sei una luce blasfema.

Mi ritraggo e se vuoi
cambiamo le carte.
Perdi tu, io proseguo,
nel cappello altre storie.

Sei un disegno sfumato, io volevo l’amore.

(Adele Desideri, dalla raccolta inedita L’eremo dei pensieri sospesi)

*Il giardino proibito, quello che conserva il pudore, è effimero, come il profumo dei gelsomini. E risiede nell’infanzia, la prima infanzia: vessata, assunta a tema di un’esistenza negata ab origine.

*L’iniziazione avviene sempre troppo presto. Dopo – nell’età irresponsabile dell’adolescenza – si vola alto, inconsapevoli.
Ma il tragitto è breve. L’età adulta precipita presto nel buco nero dei doveri, dei diritti, dei riti – davvero per nulla sacri – quotidiani. Il pudore è una necessità negata.

*A volte, solo a volte, si torna bambine. È un attimo. Poi l’orologio degli affetti di nuovo perde secondi, minuti, ore. Meglio, allora, non ricordare, se non attraverso la poesia. E, quando al mattino suona la sveglia, seguire le linee invisibili – interiori – della realtà necessitante. Fare – non pensare e non sentire – per non soffrire.

2)Un calice atteso è il sottotitolo della seconda raccolta dei tuoi testi. Anche qui noto la forte presenza della dimensione del ricordo dove l’amore speso, come l’uva matura, colora la vigna e le viti, in ricordo di padre e di madre. Gli affetti familiari, la bambina con l’altalena e la corda per saltare, con le lacrime di ghiaccio… il poeta affonda il coltello nelle piaghe della sua vita e spesso sono le piaghe anche del lettore, non credi? E’ un lento lavorio di scavo nel profondo, quanto male fa al poeta? Ne troveranno giovamento, alla fine i suoi lettori?

*La via che porta alla crescita e dà un senso alla vita è per me sempre radicata nella parola. Parola – insegnamento, parola – transfert, parola – verso.
Comunque parola. La parola – quella che dico, e sento, e voglio leggere – la parola è salvifica. In termini più moderni, terapeutica.
I miei maestri della parola: Qoelet, Euripide, Sofocle, Dostoevskij, Tolstoj, Leopardi, Pirandello e, non ultimo, Turoldo.
Spero di potere donare al lettore – attraverso le mie poesie -parole gravide di senso. Ma è il lettore che sceglie. Io posso solo offrirle, le parole.
Qualcuno passa oltre, qualcuno si ferma e poi scappa, qualcuno legge e assimila.

3)Nell’ultima parte del libro parli ancora di vino, l’ho notato è un elemento che ricorre spesso. Pensando al vino il collegamento è subito al colore rosso, e al sangue: si qui a maggior ragione si parla spesso di temi sacri, Cristo, i Santi, i Morti. Che valore ha o deve avere per il poeta il sacro rispetto al profano? Il poeta nel tuo caso è testimone anche della sua/nostra cristianità, non può non esserlo dato che fa parte della sua/nostra stessa identità. In questa società così ormai multietnica trovi giusto ribadire questi concetti? E’ un compito del poeta rafforzare il senso di appartenenza ad una cultura?

*Certamente – come già ho accennato – ho avuto la fortuna di ricevere una discreta formazione umanistica: il liceo classico – la civiltà greca e quella romana -, la lettura dei grandi romanzieri e poeti – russi, francesi, inglesi, americani e italiani – lo studio della psicoanalisi freudiana e junghiana, e – in età adulta – la Bibbia. Un substrato culturale che influenza il mio modo di fare, di parlare e di scrivere.

*Vino e sangue: un binomio nel quale sono stata educata. La mia nonna materna – nella sua villa toscana in provincia di Pisa, a Cevoli – preparava per
i suoi otto chiassosi nipoti – una merenda che mi piaceva moltissimo: pane, vino e zucchero.
E, d’altronde, il collegamento tra vino e sangue non è solo essenziale nel sacramento dell’Eucarestia, ma appare anche in altre esperienze religiose. Perfino nei detti popolari: “Il vino – specie quello rosso – fa buon sangue”.

*Il sacro è ciò che fonda ogni civiltà e le dà senso. Violare il sacro significa uccidere l’uomo, la sua stessa anima. Quando mi devo recare in un paese oltre i confini italiani, prima – molto prima – ne studio la cultura religiosa, alimentare, le più arcaiche – sacre – tradizioni.

*Ma non temo il confronto. Né voglio imporre la mia identità culturale, o tanto meno la mia fede.
Io mi sento così profondamente dentro alla civiltà cristiana, che non ho paura di misurarmi con chi crede in un Dio diverso dal mio. Misurarmi per comprendere, per accogliere, per amare e per crescere – io stessa – nella dimensione spirituale. L’induismo, per esempio, offre spunti molto profondi di meditazione. E così pure il Buddismo.

*Il dialogo, ancora la parola – retta però (e la rettitudine è molto vicina alla bellezza) – è, secondo me, un passaggio critico ma decisivo per il futuro dell’Europa e dell’intera umanità.

Bologna 22 gennaio 2010
Milano, 28 gennaio 2010

Cinzia Demi
Adele Desideri

ANA GUILLOT

Posted: November 3, 2009 in Poesia

in questi gg abbiamo scritto, parlato con Barbara e Dale e Giuliana, di donne, di corpi, dei loro corpi, del valore del corpo femminile. tema sotteso, a volte nascosto, quasi disturbatore, dannoso, fastidioso perché tacciato di femminismo. Ma in fondo, voi tutti, noi, io, tutti quanti sono pur passati da li, dal ventre, dal corpo femminile, dove hanno fatto nido, dove hanno aspettato, per tanti giorni e mesi, prima di aver il coraggio e la forza di uscire allo scoperto.

L’Associazione Nazionale Le Melegrane
http://www.lemelegrane.it

OSPITA
la poetessa argentina ANA GUILLOT
“MUJER”

Relatore
Edoardo Balletta ricercatore di letteratura ispanoamericana
dell’università di Bologna

Traduzioni poetiche di Giuliana Lucchini
Lettura in lingua originale di Zinconia Zincone
Musica dal vivo di Marco Cinque e Pino Pecorelli

Auditorium dell’Ambasciata argentina, Via Veneto, 7, giovedì 19 novembre ore 17, 45
Dona Amati Antonia Buscemi Terry Olivi Monica Osnato Elena Ribet
Pres. Fortuna Della Porta
http://www.provincia.roma.it/

Ringrazio la mia amica poetessa Giuliana che tanto ha scritto di ‘corpi’ e sui ‘corpi’. grazie

[CENTRO DIURNO]

Posted: October 26, 2009 in Poesia

precari

in equilibrio sotto il tappo

sulla filettatura di un barattolo

tenendo a mente

le frasi di un matto

con il cielo sulle gambe

ritagliavamo rombi

per farne aquiloni

altri giorni

seduti sulla cruna di un ago

come su un’altalena

con le gambe a penzoloni

da statuto

si fumava

carichi d’impegno

limando un progetto di fuga

basato

su una scala avambracci e caviglie

c’era intesa, intenzione

bacini sulle tempie

mentre coi vedrai

spingevamo al di là

tutti i nostri saremo

si era tutti a venire,

con istruzioni facili

per montare una felicità

a partire

da un filo di saliva


Sebastiano Adernò

نفس الدم

http://aderno.splinder.com/